2018-03-03 13:49:44 Casertasera 26

SUGGESTIVA CERIMONIA PER RICORDARE FRA UMILE FIDANZA NELLA CATTEDRALE DI ALIFE. PRESENTE ANCHE IL CARDINALE SALVATORE DE GIORGI

Alife. Suggestiva  cerimonia per la postulazione della causa di beatificazione e canonizzazione,  stamattina,   nella cattedrale di Alife con i tanti devoti di Fra Umile Fidanza provenienti da tutta la Campania, e da altre numerose regioni d’Italia. Questo,  anche in occasione nell’anniversario della sua morte del fraticello,  avvenuta il 3 marzo 1990.  Sono tante, dunque, le persone che oggi ma come ogni anno, sono arrivate  nella cittadina di origini  romane per ricordare il francescano originario di Calvisi (frazione di Gioia Sannitica) e poi proseguire il pellegrinaggio alla sua tomba. Presente anche l’AMASI di Telese , il vescovo della diocesi di Alife e Caiazzo  Mons. Di Cerbo che ha accolto il Card. Salvatore De Giorgi, arcivescovo emerito di Palermo e già assistente generale dell’Azione Cattolica Italiana, che ha accettato l’invito a presiedere e concelebrare la SS Messa.  CHI ERA FRA UMILE Nato il 14 giugno 1910, Giuseppe Fidanza (questo il suo nome di Battesimo), in giovanissima età veste l’abito francescano presso il Convento di Santa Maria Occorrevole in Piedimonte Matese, ma per oltre 50 anni vive presso il Convento di San Pietro d’Alcantara a Portici (NA). È qui che cresce la sua fama di uomo dell’ascolto, dell’incontro: in lui la gente intravede [...]

Notizie collegate

PIEDIMONTE MATESE, ESCREMENTI DI PICCIONI AL MERCATO COPERTO: INASCOLTATE LE PROTESTE DI VENDITORI E CONSUMATORI
CAIAZZO. “Spasseggiare”: da oggi, e per un anno, la parola sarà custodita dal fantasiologo Carrese.