2023-12-30 05:14:00 infosannionews.it 36

L’arte come esperienza esistenziale, la cura di Gianmarco Biele e Vincenzo d’Argenio da Mondoromulo

A Castelvenere (fino al 27 gennaio) per la collettiva Cura_MONDO altri due artisti sanniti si confrontano sul tema della cura. Due approcci diversi ma che si collocano entrambi nell’ambito dell’installazione. Parliamo di Vincenzo D’Argenio e Gianmarco Biele. “I due lavori hanno entrambi una poetica connessione col creato, come metafora dell’esperienza esistenziale” – ci racconta la curatrice Marica Venditti – “in Biele si esprime con un rimando alla vulnerabilità della natura, alla vita imperitura che essa genera anche nell’assenza. La ricostruzione di un processo di assenze e presenze, il calco della foglia nata dall’assenza della pietra riprodotta con la polvere della pietra stessa, l’una necessaria all’altra, è un modo di rinsaldare l’esperienza del vuoto e del pieno come parte di un processo generativo, trasformativo dell’esistenza in sé. Nell’installazione di D’Argenio ciò è ancora più vero: nel rimando all’orbita di un asteroide c’è il percorso di una intera vicenda che da “sasso” scagliato dal destino diventa narrazione e dialogo e testimonianza. Il calco della massa tumorale dell’artista, diviene inizio di una traiettoria luminosa che culminerà in un confronto/dialogo con un testo simbolo di appropriazione della propria esperienza, seppur dolorosa: LA CURA.” Vincenzo ci racconta così il suo approccio: “Nel mio modus operandi […]

Notizie collegate

Forza Italia, ‘Legge Galasso’: Dugenta va liberata dal vincolo normativo. Al vaglio anche altri Comuni.
 ‘Legge Galasso’: Dugenta va liberata dal vincolo normativo. Al vaglio anche altri Comuni.