2018-03-16 11:05:54 Casertasera 63

INTERVISTA ESCLUSIVA-SUICIDI COSA FARE? IN NETTO AUMENTO ANCHE NELL’ALTO CASERTANO

 Alto casertano, letteralmente martoriato dai suicidi, questo modo di chiudere con la vita, di farla finita nel modo più’ atroce, diventa un fenomeno sempre più dilagante  che apre un dibattito serio dal quale dovrebbero uscire  delle risposte, dei rimedi che quasi sempre rimangano pura teoria, sulla carta, con le istituzioni che registrano autentici fallimenti. Del resto se si evidenziano numeri cosi alti di morte per suicidio qualcosa non funziona:c’è poca disponibilità ad ascoltare, innanzitutto chi è difficoltà, chi lancia segnali di aiuto che spesso non vengono raccolti. I numeri sono destinati ad aumentare per le carenze che abbiamo appena denunciato e per le enormi difficoltà di questa società, come la scarsa sensibilità verso il fenomeno, la mancanza di lavoro e di conseguenza il futuro viene visto come un macigno che ci sta arrivando addosso. E’ di qualche mese fa  la notizia di un altro giovane,  a Sessa Aurica ad appena 28 anni ha detto basta:è stato soccorso, trasportato all’ospedale san Rocco ma tutto è stato inutile. Oggi, l’ennesimo, un giovane 25enne, come potrete leggere dalla nostra cronaca, è stato trovato senza vita nell’appartamento dove abitava a Piedimonte Matese. Si tratta di un romeno. Una storia di disagio sociale e in [...]

Notizie collegate

Piedimonte Matese. Anziana di 80 anni si perde sbagliando treno: intervengono i carabinieri
Liberi, premiazioni del concorso “La Mia Terra” del Medio Volturno